4 ESERCIZI DI CONNESSIONE PER GENITORI E BAMBINI: LASCIATEVI AVVOLGERE DALLA MAGIA DEL NATALE - Go as a river
Quest’anno regalate a voi stessi e ai vostri bambini un dono speciale: il vostro tempo. Un tempo di qualità, in cui coltivare intimità e connessione.
genitori
51950
post-template-default,single,single-post,postid-51950,single-format-standard,cookies-not-set,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,borderland-ver-1.17, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,,grid_1300,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

4 ESERCIZI DI CONNESSIONE PER GENITORI E BAMBINI: LASCIATEVI AVVOLGERE DALLA MAGIA DEL NATALE

Il Natale, bambino mio, è l’amore in azione. Ogni volta che amiamo, ogni volta che doniamo, è Natale.

~ Dale Evans

 

 

Ancora pochissimi giorni ed è Natale! Vi immagino, mamme e papà, alle prese con l’organizzazione delle feste, mentre vi occupate del lavoro e finite di impacchettare gli ultimi regali. Fermatevi un attimo e concedetevi un bel respiro: state facendo del vostro meglio, potete esserne fieri.

 

Quest’anno vorrei invitarvi a regalare a voi stessi e ai vostri bambini un dono speciale: il vostro tempo. Un tempo di qualità, in cui coltivare intimità e connessione; un tempo in cui meravigliarvi, giocare e tornare ad essere spensierati.

 

Fatelo con intenzionalità, ritagliatevi del tempo, pianificatelo. La vita è più intensa quando scegliamo di viverla con presenza e ne beneficia anche la relazione con i figli.

 

Ecco, allora, 4 esercizi di connessione per genitori e bambini: godeteveli, con il cuore!

 

UN FLASH DI GENEROSITÀ

Avete presente il flash di una macchina fotografica, che riesce a portare luce in una camera buia? Mi piace questa immagine, perché mi ricorda che di momento in momento possiamo coltivare uno sguardo fresco sul mondo, uno sguardo bambino, non appesantito dalle nostre idee né oscurato da come crediamo che le cose siano. Uno sguardo capace di cogliere la bellezza e l’unicità.

 

  1. Quando vedete i vostri figli, oggi, apritevi con curiosità a chi vi sta di fronte in questo preciso momento. Contattate l’amore e il calore che abitano il vostro cuore.
  2. Lasciate che questo calore si espanda e sciolga le idee fisse su chi credete che siano i vostri figli, per incontrare con freschezza la meraviglia dei figli che avete di fronte!
  3. Ora, ritornate a qualsiasi attività stavate svolgendo. Questo flash di generosità è un viaggio che parte da dentro e, come una macchina fotografica, porta un’ondata di luce nel momento.

 

COME AD OCCHI CHIUSI

Non so se vi è mai capitato di non ricordarvi il colore degli occhi di qualcuno che conoscete bene. Certo, non vi succederà con i vostri bambini, ma vi siete mai presi il tempo di guardarli con attenzione e meraviglia, come se fosse per la prima volta?

Un giorno, anni fa, mio marito disse davanti ai miei genitori che la parte più bella di me è un piccolo neo che ho accanto alla bocca e mio papà, scherzando, rispose stupito “quale neo?”. Da allora, lo prendo ancora in giro e ogni volta che io e papà siamo in disaccordo su qualcosa, lo invito a trovare conforto nell’altra, la figlia senza neo.

 

  1. Prendete una coperta e due cuscini e sedetevi per terra. Sì, proprio per terra. Voi e i vostri bambini, gli uni di fronte agli altri. Portate con voi anche due fogli bianchi e delle matite colorate.
  2. Chiudete dolcemente gli occhi e connettetevi con il vostro respiro. Concedetevi 3, 4, 5 bei respiri consapevoli. Senza fretta.
  3. Ora aprite gli occhi e, uno di fronte all’altro, iniziate a guardarvi con i vostri occhi mindful. Come sono fatti degli occhi mindful? Sono occhi che posano il loro sguardo curioso e pieno d’amore sul mondo per la prima volta, non condizionati dalla lente dei nostri pensieri. Prendetevi tutto il tempo di guardarvi con questi occhi nuovi.
  4. Mettetevi di schiena, poggiandovi l’uno contro l’altro, e disegnate quello che avete appena visto. Coraggio, non abbiate imbarazzo! Lasciate andare le credenze limitanti su di voi che suggeriscono cose tipo “ma io non so disegnare”. Ricordatevi del Piccolo Principe e del disegno del boa che aveva inghiottito un elefante, e disegnate con la stessa libertà.
  5. Quando avete finito, tornate a sedervi uno di fronte all’altro e condividete il vostro disegno, raccontandolo. Scoprite quante cose nuove avete potuto cogliere ed emozionatevi per come i vostri figli vi vedono meravigliosi!

 

SILENT NIGHT

Avete mai sperimentato la profondità di un momento di silenzio con i vostri bimbi? Il silenzio può essere uno spazio sacro in cui ricevere ciò che è presente. È un silenzio che non dà nulla per scontato e che è pronto ad ascoltare, un silenzio accogliente, pieno d’interesse e attenzione.

Create un piccolo rituale quotidiano, un momento in cui dare il benvenuto al silenzio. Potete farlo di sera, quando i rumori attorno a noi si affievoliscono, fino a scomparire. Sedetevi su un tappeto, o una coperta, di fronte all’albero di Natale. Se volete, tenetevi per mano, rimanendo uno accanto all’altro. Ora, fatevi avvolgere dall’atmosfera magica e ovattata del Natale: le lucine dell’albero nella penombra della sera, le palline colorate, forse fuori nevica. Il calore della casa.

Chiudete gli occhi per qualche momento e sperimentate quanto è bello stare assieme, senza bisogno di aggiungere nulla. Senza doversi intrattenere in conversazioni, o fare domande o raccontare storie. La vostra semplice presenza, il vostro amore reciproco, la magia del Natale.

Bastano un paio di minuti, non occorre fare altro.

 

L’UNIVERSO IN UN ABBRACCIO

Ho avuto il privilegio di conoscere un po’ di questo meraviglioso pianeta, e voglio condividere con voi un segreto: non esiste luogo più bello al mondo che tra le braccia di chi amiamo. È come se il mondo si fermasse e niente avesse più importanza, in un abbraccio siamo al posto giusto al momento giusto.

Protetti, accolti, amati. Connessi.

 

  1. Mettetevi di fronte ai vostri bimbi (se siete troppo alti, piegatevi sulle ginocchia.
  2. Prendetevi per mano e abbracciatevi lentamente e con gentilezza.
  3. Chiudete gli occhi, se vi va.
  4. Ora fate assieme 3 respiri, lasciando spazio alla gioia e alla gratitudine di stringervi tra le braccia e di essere vivi e interi. È un miracolo che sta avvenendo sotto ai vostri occhi.
  5. E quando vi sentite pronti, dolcemente, prendetevi per mano, guardatevi negli occhi e offritevi un inchino.

 

Buon Natale, buona connessione, buona pratica!

Valentina Giordano

Mindfulness & MBSR Teacher del Center for Mindfulness della University of Massachusetts Medical School, Valentina pratica e insegna con entusiasmo rivolgendosi ad adulti, bambini, adolescenti, scuole e aziende. Da questa passione nasce il suo progetto di mindfulness www.goasariver.com.

No Comments

Post a Comment