ALL ROADS - Go as a river
Ascolto le parole, sorrido di gioia. E mi ricordo che siamo integri e perfetti anche quando ci sentiamo frammentati, e abbiamo in ogni momento la possibilità di uscire un po’ dalla nostra testa per entrare nel nostro cuore. È da lì che arriva la chiamata. È lì che ci conducono tutte le strade.
51040
post-template-default,single,single-post,postid-51040,single-format-standard,cookies-not-set,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,borderland-ver-1.17, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,,grid_1300,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

ALL ROADS

“La divinità risponde solo alla chiamata del cuore.”


~ Sri Anandamayi Ma

 

Settembre, uno dei momenti dell’anno che amo di più. Si respira aria di nuovi inizi, si riparte, sembra sempre che la vita cominci proprio adesso, piena di possibilità. Tra il calore malinconico di fine estate e il sapore dell’autunno che sta per arrivare. Esattamente in questo spazio.

 

Ritorno per un attimo a un anno fa, mi preparavo alla partenza per il mio anno sabbatico. Prendo una piccola pausa per assaporare queste sensazioni. Cosa c’è nel cuore in questo momento?

 

Ripercorro i luoghi, le esperienze, i volti e alla velocità dei miei pensieri seguono le emozioni, che si registrano nel corpo. Osservo tutto quello che c’è.
Un senso di espansione e di calore nel petto, un sentimento di pienezza.

 

La mente è rapida e desiderosa di bilanci. Ma stavolta, il bilancio, provo a farlo con il cuore e a chiedermi cosa mi abbia lasciato questo intensissimo anno.

 

Ho imparato che il dolore è un dono prezioso e, se sappiamo accoglierlo con coraggio e lasciarcene attraversare, ci permetterà di sbocciare anziché farci chiudere in noi stessi.

 

Che possiamo aprirci alla vita e a tutto quello che c’è, tenendo presente che la primavera non è un premio o l’inverno un castigo. È la vita che fluisce e ci permette di crescere se siamo capaci semplicemente di stare, accogliere e osservare, sperimentando direttamente ogni cosa, così com’è, senza aggiungervi altro.

 

Che il coraggio è una qualità che abbiamo tutti, sempre a nostra disposizione, e che può guidarci nel prendere decisioni importanti, uscendo fuori dalla nostra comfort zone dove tutto è familiare e rassicurante.

 

Che l’incertezza, quella sensazione di sentirci un po’ scoperti e senza la terra sotto i piedi, ci rende più umili e umani e ci dà modo di scoprire che la vulnerabilità è la nostra vera ricchezza.

 

Che il vuoto a volte fa paura e crea disagio, ma se impariamo semplicemente a starci, senza scappare, ci servirà a scoprire molto su noi stessi e solo allora impareremo a non riempire ogni singolo spazio.

 

Che la solitudine, così come il silenzio, possono essere esplorati senza timore e sono le condizioni favorevoli perché si possa ritornare a un maggior contatto con la nostra vera essenza, relazionandoci poi meglio agli altri.

 

Che l’ascolto è un veicolo di crescita, tanto quanto la nostra capacità di osservare senza giudicare.

 

Che a volte va bene non avere tutte le risposte e possiamo rilassarci anche tenendo qualche domanda in sospeso, prestando attenzione alle sensazioni che ne derivano.

 

Che in qualunque circostanza, possiamo sempre fare ritorno al nostro corpo e al nostro respiro ed utilizzarli come un’ancora, più e più volte nell’arco della giornata.

 

Che non si tratta, infine, di “imparare”, ma di ricordare qualcosa che sappiamo già, una saggezza che è già dentro di noi e da cui spesso ci allontaniamo, cercando le risposte all’esterno.

 

Un’ultima istantanea affiora vivida sopra le altre. Sono in auto verso New York e Fabiana, la mia amica argentina, mi chiede se conosco Tina Malia e fa partire una sua canzone. Si chiama All Roads.

 

Ascolto le parole, sorrido di gioia. E mi ricordo che siamo integri e perfetti anche quando ci sentiamo frammentati, e abbiamo in ogni momento la possibilità di uscire un po’ dalla nostra testa per entrare nel nostro cuore.

 

È da lì che arriva la chiamata. È lì che ci conducono tutte le strade.

Valentina Giordano

Mindfulness & MBSR Teacher del Center for Mindfulness della University of Massachusetts Medical School, Valentina pratica e insegna con entusiasmo rivolgendosi ad adulti, bambini, adolescenti, scuole e aziende. Da questa passione nasce il suo progetto di mindfulness www.goasariver.com.

No Comments

Post a Comment