COSA SIGNIFICA DAVVERO PRENDERSI CURA DI SÉ - Go as a river
Quando impariamo ad essere gentili con noi stessi, questo significa prendersi cura di sé.
prendersi cura
51486
post-template-default,single,single-post,postid-51486,single-format-standard,cookies-not-set,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,borderland-ver-1.17, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,,grid_1300,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

COSA SIGNIFICA DAVVERO PRENDERSI CURA DI SÉ

Ritornando alla radice ritroviamo il senso,

inseguendo i rami perdiamo l’essenza.

~ Sosan Ganchi Zenji

 

 

Buongiorno Amici Mindful! Come state?

Quando è stata l’ultima volta che vi siete presi un po’ cura di voi?

 

Un paio di anni fa, in un momento delicato della mia vita, mi sono resa conto di aver vissuto per anni senza sapere realmente cosa significasse amarmi e prendermi cura di me.

 

Mi prendevo cura dei miei capelli, della mia pelle, del mio senso estetico e del desiderio di conoscere e di viaggiare; avevo molta cura della mia alimentazione e del mio corpo, e altrettanta cura per le mie ambizioni.

A modo mio, ero convinta di stare facendo qualcosa di importante per me.

 

La mia vita andava bene. Mi sentivo felice.

 

Eppure c’era qualche turbolenza all’interno che stavo cercando di sistemare dall’esterno.

 

Lì da qualche parte, nel cammino verso la ricerca della perfezione e nell’essere costantemente proiettata ogni volta verso un nuovo traguardo, avevo perso contatto con me stessa. Nessuno spazio per la vulnerabilità, non avevo tempo per guardarmi dentro.

 

Avevo dimenticato di prendermi cura del mio mondo interiore.

 

Rifiutandomi a lungo di vedere cosa stesse accadendo nella mia vita, mi sono ritrovata improvvisamente sopraffatta dagli eventi, dalle emozioni, da un enorme senso di dolore e di separazione.

 

La buona notizia è che noi esseri umani siamo meravigliosi: abbiamo l’incredibile capacità di adattarci, di guarire, di crescere e diventare più forti.

Quando siamo in grado di accogliere i cambiamenti, le sfide, le difficoltà che incontriamo lungo il cammino e che ci offrono delle seconde possibilità, quando siamo in grado di comprendere che noi stessi siamo amore, allora succede qualcosa di straordinario. Impariamo a prenderci cura di noi e ad amarci.

Non come vorremmo essere, ma proprio così come siamo.

 

E all’improvviso la vita diventa più densa, più luminosa e ricca di significato.

 

Quando impariamo ad essere gentili con noi stessi, questo significa prendersi cura di sé.

 

Quando iniziamo ad ascoltarci di più e a portare l’attenzione all’interno, è così che ci prendiamo cura.

 

Quando ci dedichiamo del tempo per riconnetterci e torniamo a sentire, mollando un po’ la presa su noi stessi e sulle nostre idee fisse su come la vita e le cose dovrebbero andare, questo è prendersi cura di sé.

 

Quando iniziamo ad accettare noi stessi con un senso genuino di amichevolezza, abbracciando le nostre imperfezioni e rimanendo autentici a chi siamo veramente, ci stiamo prendendo cura.

 

Quando arriviamo nel momento presente e abbiamo il coraggio di vedere noi stessi con sincerità e chiarezza, ecco cos’è prendersi cura.

 

Quando abbiamo la forza di ritornare alle radici e ci concediamo di fiorire nella tenerezza, questo significa davvero prendersi cura di sé.

 

Quando è stata l’ultima volta che vi siete presi un po’ cura di voi?

Buona pratica!

 

“C’è una transizione interessante che si verifica in modo naturale e spontaneo. Iniziamo a trovare che, nella misura in cui c’è coraggio dentro di noi – la volontà di guardare, di puntare direttamente ai nostri cuori – e nella misura in cui c’è gentilezza verso noi stessi, c’è la fiducia che possiamo veramente dimenticarci di noi e aprirci al mondo. […]

Questo è l’inizio della crescita. Finché continueremo a non voler essere onesti e gentili con noi stessi continueremo a rimanere bambini. Quando iniziamo semplicemente ad accettare noi stessi, l’antico fardello di presunzione si alleggerisce considerevolmente. Finalmente c’è spazio per una curiosità genuina, e scopriamo di aver fame di quel che c’è là fuori.” (Pema Chödrön, Se il mondo ti crolla addosso)

Valentina Giordano

Mindfulness & MBSR Teacher del Center for Mindfulness della University of Massachusetts Medical School, Valentina pratica e insegna con entusiasmo rivolgendosi ad adulti, bambini, adolescenti, scuole e aziende. Da questa passione nasce il suo progetto di mindfulness www.goasariver.com.

No Comments

Post a Comment