SUL CORAGGIO E LA NOSTRA CAPACITÀ DI METTERCI A NUDO - Go as a river
L’autenticità è un insieme di scelte che siamo chiamati a compiere ogni giorno. È la scelta di mostrarci ed essere reali. La scelta di essere onesti. La scelta di farci vedere per come siamo davvero.
mindfulness, coraggio, vulnerabilità, autenticità
51167
post-template-default,single,single-post,postid-51167,single-format-standard,cookies-not-set,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,borderland-ver-1.17, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,,grid_1300,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

SUL CORAGGIO E LA NOSTRA CAPACITÀ DI METTERCI A NUDO

L’autenticità è un insieme di scelte che siamo chiamati a compiere ogni giorno. È la scelta di mostrarci ed essere reali. La scelta di essere onesti. La scelta di farci vedere per come siamo davvero.

 

~ Brené Brown

 

 

Ci sono giorni in cui, ripensando ad alcune decisioni che ho preso nel passato, mi ritrovo ad assistere al dialogo interiore in cui una parte di me ancora sgrana gli occhi, alza un sopracciglio e solitamente commenta “Tu devi essere matta! Non puoi averlo fatto davvero!” e l’altra sorride e dà il benvenuto al Critico Interiore, caro vecchio amico con cui ho gradualmente imparato a fare amicizia.

 

Il più delle volte si tratta di scelte che ho compiuto guidata dal coraggio ed hanno il potere di farmi riprovare il tremore alle gambe e il calore nel petto solo portandole alla memoria.

 

Ebbene, a questo proposito devo precisare che nell’ultimo paio di anni della mia vita la mia personale visione di ciò che sia realmente coraggioso è molto cambiata. Quello che è rimasto della vecchia passionalità impetuosa e a volte precipitosa che caratterizzava questa qualità, è quel tratto di “follia” che ci guida nel compiere azioni che il più delle volte vengono considerate controcorrente o che vanno oltre il comune buon senso, spesso più “comune”, che “buono”.

 

Quello che c’è di nuovo e che, integrando sempre di più la mindfulness nella mia vita, si è ormai radicato in me come l’unica soluzione possibile, è che la scelta veramente coraggiosa che possiamo compiere deliberatamente ogni giorno è quella di essere noi stessi.

Noi stessi senza maschere e senza racconti. Noi stessi con il nostro coraggio di essere imperfetti e di mostrarci per come siamo senza temere il giudizio degli altri. Noi stessi capaci di metterci a nudo, al di là dei grandi sorrisi, i vestiti stirati, i capelli in ordine e il comportamento adeguato. Noi stessi con la nostra vulnerablità, che ci fa sentire vivi e umani, e che è un rischio che dobbiamo correre se vogliamo sperimentare cosa sia la vera connessione.

 

È vero, essere vulnerabili ci fa sentire esposti e allo scoperto, come se ci avessero tolto la terra da sotto ai piedi; ma se scegliamo di tradire la nostra autenticità per sentirci più forti e al sicuro, con molta probabilità proveremo intimamente un senso di rabbia, confusione, risentimento e un inspiegabile dolore.

E quello che ho imparato sul dolore è che è tanto maggiore quanto è maggiore il nostro senso di separazione.

 

Quello che giace al di sotto della nostra paura di mostrarci per come siamo, spesso è il timore di non essere abbastanza, un senso di inadeguatezza e di vergogna che proviamo nel mostrare le nostre imperfezioni, nell’esporci al giudizio degli altri, l’idea a volte di deludere le aspettative degli altri e ancor prima di noi stessi, il dubbio di non essere più meritevoli dell’amore, dell’amicizia o del rispetto nelle nostre relazioni.

Quando invece, nell’esperienza comune universale di provare questi sentimenti, accogliere e riconoscere la nostra vulnerabilità e lasciare andare l’immagine perfetta di noi stessi è la chiave per stabilire una connessione autentica.

 

E sempre secondo Brené Brown “Amare qualcuno appassionatamente, credere in qualcosa con tutto il cuore, celebrare un momento fugace al tempo giusto, vivere pienamente una vita che ci è data senza alcuna garanzia – questi sono rischi che comportano vulnerabilità e spesso dolore. Ma sto imparando che riconoscere e concedersi di stare nel disagio della vulnerabilità ci insegna a vivere con gioia, gratitudine e grazia.”

 

Che noi si possa sentirla in ogni cellula del nostro corpo, questa meravigliosa grazia che ci pervade ogni volta che scegliamo di essere noi stessi!

Valentina Giordano

Mindfulness & MBSR Teacher del Center for Mindfulness della University of Massachusetts Medical School, Valentina pratica e insegna con entusiasmo rivolgendosi ad adulti, bambini, adolescenti, scuole e aziende. Da questa passione nasce il suo progetto di mindfulness www.goasariver.com.

No Comments

Post a Comment