USCENDO DA UN RITIRO - Go as a river
51144
post-template-default,single,single-post,postid-51144,single-format-standard,cookies-not-set,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,borderland-ver-1.17, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,,grid_1300,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

USCENDO DA UN RITIRO

I vasi di gerani alle finestre

nel vialetto antico,

il profumo del forno

e la luce del mattino.

 

Il sorriso dei vecchi amici

e il sorriso di amici nuovi.

La montagna scintillante di neve e sole

che appare all’improvviso

dopo la curva.

 

Gli occhi, la pelle, il passo

delle persone care.

Le parole buone,

che restano nel cuore.

 

Tutto questo amiamo e vogliamo.

 

E dimorare nella compassione

attenta e silenziosa

quando tutto questo manca.

 

E ricondurci sempre

all’attimo presente,

perdendo a poco a poco la paura.

 

E affezionarci a tutto,

senza attaccarci a nulla.

 

Anche questo amiamo e vogliamo.

~ Corrado Pensa

 

 

Uscendo da un ritiro, oggi, incontro la dolcezza dell’autunno.

Tappeti di foglie dorate che ricoprono i prati verdi, illuminati dal sole tiepido di fine settembre.

Gli stessi prati dove ho camminato scalza nelle meditazioni del mattino, l’aria frizzante ad accarezzarmi il viso, il cielo azzurro riflesso in ogni goccia di rugiada.

 

Il silenzio che si dissolve e le parole che hanno un sapore nuovo.

Il sorriso di mio marito che mi aspetta dall’altra parte della strada, e mi sembra di incontrarlo oggi per la prima volta e provare un’emozione nuova nel cuore.

 

La gentilezza delle persone che ho conosciuto, il calore nei loro sguardi, il sostegno prezioso della loro stessa presenza.

 

La gratitudine per Corrado e Neva, la generosità con cui condividono la loro saggezza, e il desiderio di non perderli più dopo averli incontrati.

 

La conferma, ancora una volta, che se noi ci diamo alla pratica, la pratica si dà a noi.

 

La possibilità che abbiamo in ogni momento di imparare a volerci bene, senza prenderci troppo sul serio.

 

La sensazione di poter stare, ogni tanto, con tutto quello che attraversa il corpo, la mente e il cuore, senza preferenze, e di trovarci al posto giusto al momento giusto.
Cioè, qui e ora.

 

La sorpresa quando all’improvviso arriva, fresca, un’intuizione.

 

La mente radiosa, e il cuore aperto, e un senso di agio e di spaziosità interiore.

 

La consapevolezza che “il ritiro è il 50% del ritiro, l’altro 50% inizia dopo”.

Valentina Giordano

Mindfulness & MBSR Teacher del Center for Mindfulness della University of Massachusetts Medical School, Valentina pratica e insegna con entusiasmo rivolgendosi ad adulti, bambini, adolescenti, scuole e aziende. Da questa passione nasce il suo progetto di mindfulness www.goasariver.com.

No Comments

Post a Comment