Mindfulness, una grande scoperta - Go as a river
La mindfulness per me è stata una grande scoperta. Mi sembra di essere più vivo e sveglio e quando non si è così attenti si perde molto.
scoperta
51618
post-template-default,single,single-post,postid-51618,single-format-standard,cookies-not-set,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,borderland-ver-1.17, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,,grid_1300,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

MINDFULNESS, UNA GRANDE SCOPERTA

Gregorio, 14 anni
Percorso One on One

 

La mindfulness è un’opportunità ed è divertente. Ho notato di avere più energia e di essere più attento nelle prime ore di scuola quando inizio la giornata con 10 minuti di meditazione guidata sul respiro.

 

Quando presto attenzione in classe e ascolto consapevolmente, noto molte cose più interessanti. Mi sembra di essere più vivo e sveglio e quando non si è così attenti si perde molto.

 

Questo percorso mi ha fatto capire come per esempio in un semplice minuto passato in metro si può far caso ad un sacco di suoni che possono avere le cose, o alle persone che ti stanno intorno.

 

Mi ha dato benefici in vari aspetti, io per esempio sono un ragazzo di 14 anni e quando sono a scuola tendo spesso a distrarmi, specialmente quando la lezione non è molto coinvolgente o nelle ultime ore. Ecco, la mindfulness mi ha proprio aiutato a cogliere questi momenti in cui si è poco concentrati, ad avere curiosità, e mi ha insegnato a riportare la mente lì, in quel preciso istante. Questa per me è stata una grande scoperta, perché ora presto il 100% di attenzione nelle lezioni e se calo al 90 mi bastano pochi minuti di concentrazione sul respiro per riportarla al massimo dell’efficienza.

 

Questo percorso ma ha anche aiutato nell’ascoltare il mio corpo, notando le sensazioni di formicolio negli arti, dove c’è qualcosa che non va.

 

Persino nella pallacanestro ho avuto risultati soddisfacenti e per me questo è un grande traguardo.

 

Io facevo merenda tutti i giorni, a volte anche abbuffandomi un pochino perché avevo un forte senso di fame. Ora, con la mindfulness e il Mindful Eating, mi rendo conto che il mio corpo non ha bisogno di tutto quel cibo e mi sento meglio se ne mangio un po’ meno ma prestando più attenzione a tutto ciò che mi entra in bocca.

Faccio merenda meno spesso e solo quando ho realmente fame.

Valentina Giordano

Mindfulness & MBSR Teacher del Center for Mindfulness della University of Massachusetts Medical School, Valentina pratica e insegna con entusiasmo rivolgendosi ad adulti, bambini, adolescenti, scuole e aziende. Da questa passione nasce il suo progetto di mindfulness www.goasariver.com.

No Comments

Post a Comment