UN IMMENSO SENSO DI PACE - Go as a river
Stamattina mi ritrovo qui a meditare con la consapevolezza di aver fatto in queste 8 settimane qualcosa di buono per la mia vita e per le persone che amo.
meditare
52154
post-template-default,single,single-post,postid-52154,single-format-standard,cookies-not-set,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,borderland-ver-1.17, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,,grid_1300,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

UN IMMENSO SENSO DI PACE

Simona Zanardi

MBSR One on One

 

Oggi è domenica e mi sono alzata molto presto perché mia figlia più grande ha una partita di pallavolo; dopo averle preparato la colazione, aver chiacchierato un po’ e averle augurato di divertirsi, lei è uscita con il papà ed io sono rimasta a casa con mia figlia più piccola che ancora dormiva.

 

Che fare? In un altro momento magari sarei tornata a letto per cercare di dormire ancora un altro po’ o mi sarei messa a riordinare e pulire per portarmi avanti; invece mi è venuto naturale sedermi sul divano, nel completo silenzio della mia sala, e dedicarmi a una sana e consapevole meditazione aperta!

 

Mai e poi mai avrei pensato poche settimane fa di fare una cosa del genere a discapito di diverse altre; ho dedicato del tempo a me stessa, del tempo prezioso.

 

Ora, dopo questa meditazione mattutina sto bene, veramente bene. È gratificante e rigenerante star qui ad ascoltare il ticchettio della pioggia sul lucernario sopra di me (che probabilmente fino a pochi giorni fa non avrei nemmeno notato), sentire la tranquillità che mi infonde il mio respiro e questo immenso senso di pace e serenità che difficilmente provo.

 

Mi sono avvicinata alla Mindfulness con grande scetticismo, in parte forse per cercare di capire l’incomprensibile entusiasmo di mio marito che era già “entrato in questo mondo” tramite letture e qualche breve prova di meditazione. Ho preso la decisione di intraprendere questo percorso di otto settimane per vedere se in qualche modo mi avrebbe aiutato ad accettare il disagio lavorativo che provo giornalmente. Ho iniziato dicendo a mio marito: ok, lo faccio ma “su di me non avrà effetti”, non ci credo e sto solo buttando tempo e soldi…

 

Valentina poi, al primo incontro ci ha detto che sarebbe stato determinante meditare 45 minuti tutti i giorni per le 8 settimane di corso. 45 minuti??? Ma figuriamoci! Quando mai avrei trovato il tempo fra il lavoro, le mille commissioni giornaliere, la famiglia… mai, non avrei potuto farcela!

 

Ed invece l’ho fatto! Eccome se l’ho fatto!

 

Ho iniziato con il mio scetticismo ma, man mano che i giorni passavano, ho sentito sempre più l’esigenza di ritagliarmi in qualche modo il mio spazio per meditare; non so come esprimere la sensazione che provavo e che provo, mi sentivo più “leggera”, dopo poche settimane ho iniziato a varcare quel cancello (quello dell’azienda dove lavoro) più serenamente e mi domandavo cosa fosse cambiato…

 

Nulla è cambiato, sono cambiata io!

 

Venerdì con un po’ di dispiacere si è concluso il mio percorso con Valentina. Ancora ci sono parecchie cose da comprendere, da imparare a sentire, e che spero nell’arco del tempo mi si chiariranno, ma ciò che è certo è che stamattina mi ritrovo qui a meditare con la grande consapevolezza di aver fatto – in queste otto settimane appena passate (forse per la prima volta in vita mia) – qualcosa di buono per la mia vita e quindi per la vita delle persone che amo e che mi stanno intorno.

 

Continuerò sicuramente a praticare da sola nella consapevolezza di compiere ogni volta un grande atto d’amore nei miei confronti!

Valentina Giordano

Mindfulness & MBSR Teacher del Center for Mindfulness della University of Massachusetts Medical School, Valentina pratica e insegna con entusiasmo rivolgendosi ad adulti, bambini, adolescenti, scuole e aziende. Da questa passione nasce il suo progetto di mindfulness www.goasariver.com.

No Comments

Post a Comment