52489
post-template-default,single,single-post,postid-52489,single-format-standard,cookies-not-set,eltd-core-1.1.2,borderland-theme-ver-2.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,smooth_scroll,grid_1300, vertical_menu_with_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

UNO SPIRAGLIO DI LIBERTÀ

Federica B.

Percorso Joyful Eating

 

Ho una lunghissima storia di disturbi alimentari, (festeggio 30 anni di abbuffate quest’ anno!) e posso dire di avere davvero provato di tutto. E in un momento della mia vita di grandi cambiamenti e bilanci ho deciso di cominciare a guardarmi dentro e capire le radici di tutto questo caos che mi ha portato a vivere il rapporto col cibo come un incubo invece della cosa più naturale del mondo e capire che tutti i comportamenti compensativi, alla fine, non sono altro che “mangiarsi le emozioni” invece di viverle.

 

L’incontro con la Mindfulness è arrivato in questo momento delicato e il passo successivo è stato cercare un corso di Mindful Eating, approccio ancora piuttosto nuovo in Italia. E ho capito che se c’è una cosa (e una soltanto) che può funzionare è proprio questa: la presenza, trovare il modo di osservare lucidamente il pilota automatico che ti spinge a svuotare il frigo.

 

È una delle cose più difficili da fare, ma anche quella che ti fa intravedere uno spiraglio di libertà, e che è ancora possibile ritornare a quel momento in cui mangiare era solo un piacere e non una punizione anche se le cattive abitudini hanno preso il sopravvento da così tanti anni.

 

Valentina ha il dono particolare di accoglierti, comprenderti e indicarti una via d’uscita dal labirinto di specchi quando pensavi non ci fosse più, con pazienza, incoraggiamento e senso dell’ umorismo, come una sorella maggiore che sa esattamente cosa stai provando perché ci è passata e la presenza del gruppo ti fa sentire che non sei solo nelle tue ossessioni e nella tua lotta, ma che tutti condividiamo le stesse ferite che hanno fatto diventare il cibo, a un certo momento delle nostre vite, il solo amico a cui rivolgerci. Amico che non è mai stato in grado di aiutarci.

 

Imparare a lasciare andare quell’amico fedele significa crescere e prendersi le proprie responsabilità.

 

Il viaggio è stato emotivamente intenso, forte e profondo, e mi ha dato veramente tanto, e confesso che mi mancheranno molto i mercoledì mattina di pratica e quella stanza piena di pace e calma come una vera e propria oasi protetta.

 

Ho imparato nuove strategie di sopravvivenza, nuovi modi di affrontare il vuoto, e spero vivamente di uscirne anche se so che il viaggio è appena cominciato e le ricadute dietro ogni angolo.

 

Ma adesso ho la disponibilità.

Valentina Giordano

Mindfulness & MBSR Teacher del Center for Mindfulness della University of Massachusetts Medical School, Valentina pratica e insegna con entusiasmo rivolgendosi ad adulti, bambini, adolescenti, scuole e aziende. Da questa passione nasce il suo progetto di mindfulness www.goasariver.com.

No Comments

Post a Comment