Welcome to the river

Benvenuto in go as a river,
il progetto di mindfulness a cura di Valentina Giordano

MINDFULNESS E DOLORE CRONICO. IMPARARE AD ACCOGLIERE E STARE CON IL CAMBIAMENTO

Vittoria S.

MBSR

 

Ho incontrato Valentina quando ne avevo bisogno.

 

29 anni di vita, di cui 27 trascorsi a farmi trascinare dai capricci della mente, tra ansie e fobie, e 2 ad ascoltare l’impazienza di un corpo che era stanco di sentirsi trascurato e che urlava attenzione con il dolore cronico. Un lento percorso di consapevolezza, in cui ho dovuto star male, poi meglio, poi di nuovo male, poi meglio e così via, per comprendere che quel che mi mancava era una connessione tra la mente, il corpo e il cuore.

 

Ho pensato che il programma MBSR potesse fare al caso mio e non sono stata smentita: mi ha aiutata a rientrare in contatto con le mie varie me, insegnandomi a stare in quest’altalena di condizioni senza giudicarmi. Osservare il malessere, il benessere e la neutralità non per etichettarlo ma per accettarlo. Allenare la gentilezza verso me stessa e verso gli altri per “tornare finalmente a casa”, come dice Valentina.

 

Ho un’agendina 18 mesi in cui, nell’ultimo anno e mezzo, ho annotato quotidianamente visite, appuntamenti, farmaci e sintomi del dolore cronico. Quando ho incontrato Valentina, ero al mese 16. Le pagine di quell’agendina, nel corso dei due mesi di full immersion, sono rimaste bianche. Le visite specialistiche si sono diradate, ho gradualmente sospeso i farmaci. Cosa più importante, non ho sentito l’esigenza di usare dell’inchiostro per fare l’ennesima “lista della spesa”, con acciacchi e insofferenza al posto di frutta e verdura. Mente, cuore e corpo hanno come “fatto clic” in sincrono e hanno smesso di inseguirsi e darsi contro vicendevolmente: hanno invece cominciato ad ascoltarsi e cooperare.

 

A fine anno ricomincio con un nuovo percorso. Adesso che il dolore cronico è meno cronico di prima, quando viene a trovarmi – per fortuna sempre più sporadicamente – sono pronta ad osservarlo e a lasciarlo andare.

 

Grazie Valentina!



  • INIZIA AD AVVICINARTI

    Inizia ad avvicinarti,non fare il secondo passo,o il terzo,inizia dal primo,avvicinatial passoche non vuoi fare. Inizia con il terrenoche conosci,il terreno pallidosotto i tuoi piedi,il tuomodo di cominciarela conversazione. Inizia con la tuadomanda,lascia andare le domande degli altri,lascia che non soffochino qualcosa disemplice. Per ascoltarela voce dell’altro,seguila tua......

  • RIPOSARE NELLE COSE COME SONO

    Una cosa è certa: le notti sono tante quanti i giorni e nel corso dell’anno la loro durata si equivale. Neppure la vita più felice è priva di una misura di tenebra, anzi la parola stessa “felicità” perderebbe significato se questa non fosse controbilanciata dalla tristezza. È......

  • DIVENTARE ISOLA

    La solitudine può essere una tremenda condanna o una meravigliosa conquista.  ~ Bernardo Bertolucci ASCOLTARSI C’è un aspetto del mio cammino interiore che non smette mai di sorprendermi, ed è la continua evoluzione di tutte le parti di me. La parte che osserva, che nel tempo......